Perché non credo alla medicina occidentale (2)

Curare i sintomi
Dopo aver parlato della mancanza di metodo scientifico nella cura di molte malattie, vorrei provare a descrivere quello che, dal mio punto di vista, è l’idiozia più grande della medicina occidentale: la cura dei sintomi.

Il corpo umano nella maggior parte dei casi è in grado di guarire da solo. Nella sua strategia di guarigione il corpo sfrutta tutta una serie di difese che servono a debellare quelle che crede siano le cause del proprio male e, se lo crede lui, perché non dovremmo crederci noi?
Prendiamo la febbre; senza scomodarci troppo andiamo direttamente su Wikipedia. Tra le tante informazioni mediche utili per partecipare a chi vuol essere milionario c’è un trafiletto che dice:

La febbre va considerata parte dei meccanismi di difesa dell’organismo, in quanto ostacola la replicazione dei microorganismi infettanti (specialmente virus, attraverso la produzione di interferoni)…

Oppure prendiamo la tosse, nel marasma delle nozioni troviamo:

La tosse, in medicina, è un riflesso difensivo, improvviso e spesso ripetitivo, che aiuta a pulire le vie respiratorie da eccessi di secrezione, particelle estranee ed irritanti, microbi.

Non continuo per pigrizia. Il concetto però è chiaro: anche l’enciclopedia online vi suggerisce che, tutte quelle manifestazioni del vostro corpo conseguenti ad un contagio, sono proprio quelle difese che il vostro stesso organismo sta prontamente chiamando in causa per guarirvi. Voi, da geni quali siete, assumendo le tipiche medicine “ricreative” andate ad influenzare quelle stesse difese che stanno cercando di aiutarvi, non credo sia la mossa migliore da fare. Ah, ovviamente non sentirete di avere la febbre visto che avete messo a tacere gli allarmi del vostro corpo, ma dentro di voi la malattia è viva e vegeta come prima, semplicemente non sarete più in grado di percepirlo. Capito quanto siete furbi?
L’ultima volta che mi capitò di andare in farmacia per acquistare uno sciroppo per la tosse chiesi alla farmacista come riuscisse lo sciroppo a far passare la tosse, lei con tutta la tranquillità di questo mondo mi spiegò che ci riusciva inibendo una neurocosa (faccio sempre l’informatico) nel cervello. Ripeto, capito? Vorrei farvi un milione di esempi uno più stupido di un altro per farvi rendere conto della bestialità della cosa, ma sono sicuro che non riuscirei a farvi sentire stupidi (nel caso foste tra quelli che usano gli sciroppi per la tosse neurocosatici).
Sinceramente non so spiegarmi perché voi continuiate a fare un’idiozia del genere, se è perché potete andare a cena fuori sorridenti come nelle pubblicità o perché non riuscite a soffrire un po’ di mal di testa o perché non potete prendere un giorno di malattia al lavoro o semplicemente “perché così si fa” (anche perché immagino sappiate che assumere farmaci faccia male alla salute). Io invece questo modo di “curare” non lo capisco più. Quando prendo il raffreddore o l’influenza semplicemente aspetto che mi passi, al massimo mi “abboffo” di zenzero, vitamina C e propoli ma alla fine, esattamente come per voi, la malattia va via (di solito in tempi minori rispetto alla media).
Vorrei chiudere le argomentazioni su questo punto parlando degli antibiotici e di come ce ne sia stato un abuso. Ormai per qualsiasi cosa si prende un antibiotico, anche quando potrebbero esserci infezioni virali non curabili dagli antibiotici. Risultato? I batteri sono diventati super batteri e quindi, anche grazie a voi, questi batteri moderni sono per il momento indistruttibili.
In definitiva, perché dovrei assumere medicinali che non mi curano ma che mi fanno credere di essere guarito?

Le case farmaceutiche
[to be continued…]

One thought on “Perché non credo alla medicina occidentale (2)

Comments are closed.